Orvieto Walking Marathon - panorama di Orvieto

13 Aprile 2025

2a edizione di Orvieto Walking Marathon

325Giorni 05Ore 48Minuti 27Secondi

3 percorsi di 42, 21 e 10 Km, esclusivamente camminando, alla scoperta delle bellezze del territorio orvietano.

Locandina per la seconda edizione che si svolgerà il 13 aprile 2025

Orvieto Walking Marathon organizza camminate non competitive nel territorio orvietano. Orvieto, adagiata su uno sperone di tufo, nel cuore dell’Umbria, è un luogo del buon vivere secondo stili di vita lenti, in equilibrio con la natura. Qui con una sola passeggiata ti puoi immergere in un viaggio nel tempo, nell’arte, nell’enogastronomia. Da importante centro etrusco a fiorente città papale, dallo splendore del libero comune medievale alla modernità, millenni di civiltà si manifestano e concretizzano ad ogni passo: l’incanto del Duomo con la facciata dorata del Maitani ed i coinvolgenti e originalissimi affreschi del Signorelli; l’ingegno del Sangallo nelle elicoidali scale del pozzo di San Patrizio; la maestosità del medievale Palazzo del Popolo o dell’ottocentesco Teatro Mancinelli; dall’alto della Torre del Moro alle profondità della città sotterranea, dai pittoreschi ed intimi vicoletti alla caratteristica funicolare, dai colori delle ceramiche all’eleganza dei merletti, dai sapori autentici dell’olio o delle “lumachelle”, ai profumi di un piatto di “umbrichelli” al tartufo, nonché ai vini conosciuti in tutto il mondo, tutto in una sola ed unica passeggiata! Un continuum di storiche evocazioni e piacevoli sensazioni, costantemente circondati da un abbraccio di verde e natura che ti avvolge a 360°. Vigneti e uliveti distesi su dolci colline sono lo scenario naturale che ti accompagna per le campagne orvietane a pochi minuti dal centro storico e che puoi ammirare affacciandoti dalle stesse mura perimetrali. Tre anelli intorno alla rupe che ti permettono di scoprire un territorio ricco di resti archeologici tra boschi di querce e castagni, piccoli corsi d’acqua, cascatelle e laghetti. Camminare in queste atmosfere sospese e rilassanti è un’esperienza di grande valore che ti restituisce equilibrio e vigore e che soddisfa la mente ed i sensi!

I percorsi

Percorso breve 10 Km

Orvieto walking marathon – percorso breve
  • DISTANZA: 10,8 Km
  • DISLIVELLO: 431 m
  • ALTITUDINE MASSIMA: 330 m
  • ALTITUDINE MINIMA: 123 m
km 0 - 1,3
km 0 - 1,3
partenza da Piazza Duomo in pieno centro storico, tratto in lieve discesa (Piazza Duomo-Via Duomo-Torre del Moro-Corso Cavour-Piazza Cahen-Fortezza Albornoz);
km 1,3-5,6
km 1,3-5,6
anello PAAO (Parco Archeologico Ambientale dell’Orvietano), tratto in saliscendi, con molte parti pianeggianti (Strada Fontana del Leone, Loc. Cannicella, Parcheggio ex Campo Boario, Porta Maggiore, Necropoli Etrusca del Crocifisso del Tufo, Castagneta, foresta di Bambù, Fortezza Albornoz);
km 5,6-6,5 (RISTORO 1)
km 5,6-6,5 (RISTORO 1)
(RISTORO 1): discesa in picchiata su strada delle Piagge verso Orvieto Scalo (attenzione: in caso di pioggia o forte umidità è molto scivolosa!) e breve tratto pianeggiante nel centro abitato di Orvieto Scalo, RISTORO presso Scuola Elementare di Orvieto Scalo);
km 6,5-7,3
km 6,5-7,3
attraversamento giardini pubblici Orvieto Scalo e passaggio ponte su fosso della Badia, poi tratto in leggera salita su strada asfaltata in Viale I Maggio;
km 7,4-7,7
km 7,4-7,7
breve tratto su campo erboso;
km 7,7-9,7
km 7,7-9,7
si attraversa la strada asfaltata (Strada Bagnorese) e inizia la salita verso il centro storico passando per la zona di Cannicella (Necropoli Etrusca di Cannicella) e nuovo passaggio su tratto dell’anello Paao fino a Porta Maggiore;
km 9,7-10,8
km 9,7-10,8
si entra nel centro storico da Porta Maggiore passando nel quartiere medievale con dislivelli importanti, si prendono subito a destra le scalette di Via Malcorini e poi ancora a destra fino ad arrivare sulle mura, si svolta a sinistra e si salgono le “colonnacce” fino a Piazza San Giovanni e si continua su Via Ripa Medici affacciati su magnifici panorami nella vallata, si svolta a sinistra in Vicolo Ripa Medici e si arriva a Piazza De’ Ranieri e subito dopo in Via Garibaldi. Si passa sotto l’arco del Comune, si attraversa Piazza della Repubblica e si prosegue su Corso Cavour fino alla Torre del Moro, si svolta a destra su Via del Duomo e si giunge all’arrivo di Piazza Duomo.

Percorso intermedio 21 Km

Orvieto walking marathon – percorso intermedio
  • DISTANZA: 20,46 Km
  • DISLIVELLO: 741 m
  • ALTITUDINE MASSIMA: 417 m
  • ALTITUDINE MINIMA: 123 m
km 0 - 1,3
km 0 - 1,3
partenza da Piazza Duomo in pieno centro storico, tratto in lieve discesa (Piazza Duomo-Via Duomo-Torre del Moro-Corso Cavour-Piazza Cahen-Fortezza Albornoz);
km 1,3-5,6
km 1,3-5,6
anello PAAO (Parco Archeologico Ambientale dell’Orvietano), tratto in saliscendi, con molte parti pianeggianti (Strada Fontana del Leone, Loc. Cannicella, Parcheggio ex Campo Boario, Porta Maggiore, Necropoli Etrusca del Crocifisso del Tufo, Castagneta, foresta di Bambù, Fortezza Albornoz);
km 5,6-6,5 (RISTORO 1)
km 5,6-6,5 (RISTORO 1)
(RISTORO 1): discesa in picchiata su strada delle Piagge verso Orvieto Scalo (attenzione: in caso di pioggia o forte umidità è molto scivolosa!) e breve tratto pianeggiante nel centro abitato di Orvieto Scalo, RISTORO presso Scuola Elementare di Orvieto Scalo);
km 6,5-6,7
km 6,5-6,7
breve tratto per lasciare il centro abitato e dopo aver svoltato a destra si inizia a salire;
km 6,7-8,0
km 6,7-8,0
si sale alternando lunghi tratti diritti a tornanti stretti, per arrivare sull’altopiano proprio di fronte alla rupe di Orvieto con affaccio mozzafiato sul Duomo (Loc. Le Velette);
km 8,0-10,3
km 8,0-10,3
lungo passaggio pianeggiante dentro la Tenuta le Velette, in mezzo a vigneti, uliveti, viali di pini e ciliegi;
km 10,3-11,5
km 10,3-11,5
si attraversa la SP 12 Bagnorese, ci si immette di nuovo su carrareccia e poi su un falsopiano dentro i vigneti della cantina Poggiocavallo;
km 11,5-12,0 (RISTORO 2)
km 11,5-12,0 (RISTORO 2)
(RISTORO 2): immissione verso destra su Via Marte su strada asfaltata, fino al RISTORO di Canale Vecchio (falsopiano);
km 12,0-13,5
km 12,0-13,5
si prosegue per 1,5 km su un tratto di strada asfaltata, per poi deviare verso sinistra sulla carrareccia di Loc. La Cacciata (falsopiano);
km 13,6-14,6
km 13,6-14,6
si attraversa la Tenuta de La Cacciata e la sua villa, lasciando sulla sinistra un maneggio e ancora vigneti e uliveti (falsopiano);
km 14,6-15,5
km 14,6-15,5
si attraversa la SP111 della Badia e ci si immette su altra carrareccia entrando nel Comune di Porano (falsopiano);
km 15,5-17,3 (RISTORO 3)
km 15,5-17,3 (RISTORO 3)
(RISTORO 3): si incrocia la Strada di Settecamini e si comincia a scendere, arrivando forse alla veduta più bella di Orvieto presso le Tombe Golini (Necropoli Etrusca di Settecamini), si continua a scendere lasciando sulla destra il Monastero dei Cappuccini, l’acquedotto romano e l’antica “selciata”, fino ad arrivare al RISTORO;
km 17,3-18,4
km 17,3-18,4
al RISTORO si continua sulla destra lasciando a sinistra il percorso più lungo e dopo un tratto pianeggiante che costeggia un altro scavo etrusco (Fanum Voltumnae) si raggiunge la Strada dell’Arcone;
km 18,4-18,7
km 18,4-18,7
si attraversa la Strada dell’Arcone e si comincia a salire verso il centro storico costeggiando l’antico acquedotto romano;
km 18,7-19,1
km 18,7-19,1
si percorre un breve tratto sulla strada asfaltata di Via della Segheria e ci si immette sulla rampa del parcheggio dell’ex campo Boario;
km 19,1-19,4
km 19,1-19,4

si passa sopra il parcheggio multipiano dell’ex Campo Boario, si attraversa la Strada di Porta Romana e costeggiando una rotatoria si arriva a Porta Maggiore;

km19,4-20,46
km 19,4-20,46
si entra nel centro storico da Porta Maggiore passando nel quartiere medievale con dislivelli importanti, si prendono subito a destra le scalette di Via Malcorini e poi ancora a destra fino ad arrivare sulle mura, si svolta a sinistra e si salgono le “colonnacce” fino a Piazza San Giovanni e si continua su Via Ripa Medici affacciati su magnifici panorami nella vallata, si svolta a sinistra in Vicolo Ripa Medici e si arriva a Piazza De’ Ranieri e subito dopo in Via Garibaldi. Si passa sotto l’arco del Comune, si attraversa Piazza della Repubblica e si prosegue su Corso Cavour fino alla Torre del Moro, si svolta a destra su Via del Duomo e si giunge all’arrivo di Piazza Duomo.

Percorso lungo 42 Km

Orvieto walking marathon – percorso lungo
  • DISTANZA: 42,17 Km
  • DISLIVELLO: 1295 m
  • ALTITUDINE MASSIMA: 465 m
  • ALTITUDINE MINIMA: 118 m
km 0-1,3
km 0 - 1,3
partenza da Piazza Duomo in pieno centro storico, tratto in lieve discesa (Piazza Duomo-Via Duomo-Torre del Moro-Corso Cavour-Piazza Cahen-Fortezza Albornoz);
km 1,3-5,6
km 1,3-5,6
anello PAAO (Parco Archeologico Ambientale dell’Orvietano), tratto in saliscendi, con molte parti pianeggianti (Strada Fontana del Leone, Loc. Cannicella, Parcheggio ex Campo Boario, Porta Maggiore, Necropoli Etrusca del Crocifisso del Tufo, Castagneta, foresta di Bambù, Fortezza Albornoz);
km 5,6-6,5 (RISTORO 1)
km 5,6-6,5 (RISTORO 1)
(RISTORO 1): discesa in picchiata su strada delle Piagge verso Orvieto Scalo (attenzione: in caso di pioggia o forte umidità è molto scivolosa!) e breve tratto pianeggiante nel centro abitato di Orvieto Scalo, RISTORO presso Scuola Elementare di Orvieto Scalo);
km 6,5-6,7
km 6,5-6,7
breve tratto per lasciare il centro abitato e dopo aver svoltato a destra si inizia a salire;
km 6,7-8,0:
km 6,7-8,0:
si sale alternando lunghi tratti diritti a tornanti stretti, per arrivare sull’altopiano proprio di fronte alla rupe di Orvieto con affaccio mozzafiato sul Duomo (Loc. Le Velette);
km 8,0-10,3:
km 8,0-10,3:
lungo passaggio pianeggiante dentro la Tenuta le Velette, in mezzo a vigneti, uliveti, viali di pini e ciliegi;
km 10,3-11,5
km 10,3-11,5
si attraversa la SP 12 Bagnorese, ci si immette di nuovo su carrareccia e poi su un falsopiano dentro i vigneti della cantina Poggiocavallo;
km 11,5-12,0
km 11,5-12,0
(RISTORO 2): immissione verso destra su Via Marte su strada asfaltata, fino al RISTORO di Canale Vecchio (falsopiano);
km 12,0-13,5
km 12,0-13,5
si prosegue per 1,5 km su un tratto di strada asfaltata, per poi deviare verso sinistra sulla carrareccia di Loc. La Cacciata (falsopiano);
km 13,6-14,6
km 13,6-14,6
si attraversa la Tenuta de La Cacciata e la sua villa, lasciando sulla sinistra un maneggio e ancora vigneti e uliveti (falsopiano);
km 14,6-15,5
km 14,6-15,5
si attraversa la SP111 della Badia e ci si immette su altra carrareccia entrando nel Comune di Porano (falsopiano);
km 15,5-17,3
km 15,5-17,3
(RISTORO 3): si incrocia la Strada di Settecamini e si comincia a scendere, arrivando forse alla veduta più bella di Orvieto presso le Tombe Golini (Necropoli Etrusca di Settecamini), si continua a scendere lasciando sulla destra il Monastero dei Cappuccini, l’acquedotto romano e l’antica “selciata”, fino ad arrivare al RISTORO;
km 17,3-19,3
km 17,3-19,3
al RISTORO si svolta a sinistra e si lascia a destra il percorso intermedio, si sale su Strada di San Valentino (panorami mozzafiato su Orvieto);
km 19,3-19,6
km 19,3-19,6
si incrocia e si percorre un breve tratto asfaltato della SS 71 fino alla Torretta;
km 19,6-23,4
km 19,6-23,4
(RISTORO 4): alla Torretta ci si immette sulla destra su una carrareccia, quasi sempre in una zona boschiva e alberata piena di antichi castagni e ricca di acqua, si supera il Laghetto di Sugano, la fonte del Tione e si arriva al punto più alto del percorso, il Castello di San Quirico dove c’è il RISTORO;
km 23,4-25,7
km 23,4-25,7
si comincia a scendere prima in un campo di nocciole e poi superato un ruscello dentro un bosco in Loc. Sossogna fino ad incontrare la Strada del Lapone in Loc. Rocca Ripesena;
km 25,7-28,0
km 25,7-28,0
si continua a scendere lungo la Strada del Lapone attraverso uno degli antichi tracciati della Via Romea Germanica, si oltrepassa un antico romitorio e ancora vigneti e cantine (Cantina il Palazzone);
km 28,0-30,0
km 28,0-30,0
(RISTORO 5): si attraversa la SP 99 dell’aeroporto, si supera il ponte sul torrente Romealla, si svolta a sinistra attraversando un campo e si comincia a salire (siamo nella zona dei Templari, a sinistra vediamo la Torre della fame) attraverso campi e vigneti fino a Bardano alta, arrivando al RISTORO presso la Cantina Neri;
km 30-32,1
km 30-32,1
si continua su tratto prima pianeggiante (viale alberato di cipressi), si supera una chiesetta e poi si devia sulla sinistra scendendo e sfilando sulla destra un antico dongione templare, si attraversa prima un boschetto e poi un vigneto fino ad arrivare alla SP44;
km 32,1-32,3
km 32,1-32,3
si attraversa e si percorre per 200 m la SP44 e poi si devia a destra verso Loc. Ponte Giulio;
km 32,3-32,9
km 32,3-32,9
breve tratto su strada asfaltata, passando sotto la ferrovia e superando prima Ponte Giulio (antico ponte risaltente al XVI secolo ) e poi la Cantina Bigi;
km 32,9-36,2
km 32,9-36,2
(RISTORO 6): ci si immette su strada carrareccia, lungo tratto pianeggiante che costeggia il fiume Paglia in mezzo a impianti di movimentazione terra, vigne e orti, per arrivare all’ultimo RISTORO;
km 36,2-37,7
km 36,2-37,7
ancora tratto pianeggiante lungo il fiume Paglia;
km 37,7-39,5
km 37,7-39,5
ancora tratto pianeggiante in mezzo agli orti nella zona della Patarina;
km 39,5-40,7
km 39,5-40,7
si attraversa la SP 56 e si comicia a salire prima dolcemente e poi con pendenze maggiori verso il centro storico lungo Strada della Patarina;
km 40,7-41,0
km 40,7-41,0
si prende Via delle Conce e inizia la salita più dura fino a Porta Maggiore;
km 41,0-42,17
km 41,0-42,17
si entra nel centro storico da Porta Maggiore passando nel quartiere medievale con dislivelli importanti, si prendono subito a destra le scalette di Via Malcorini e poi ancora a destra fino ad arrivare sulle mura, si svolta a sinistra e si salgono le “colonnacce” fino a Piazza San Giovanni e si continua su Via Ripa Medici affacciati su magnifici panorami nella vallata, si svolta a sinistra in Vicolo Ripa Medici e si arriva a Piazza De’ Ranieri e subito dopo in Via Garibaldi. Si passa sotto l’arco del Comune, si attraversa Piazza della Repubblica e si prosegue su Corso Cavour fino alla Torre del Moro, si svolta a destra su Via del Duomo e si giunge all’arrivo di Piazza Duomo.

Orvieto: la storia

A sud-ovest dell’Umbria si colloca il comune di Orvieto, il cui centro storico è sorto su uno pianoro di tufo a dominio dell’ampia valle del fiume Paglia.
Le testimonianze archeologiche attestano che la città etrusca raggiunse il suo massimo splendore economico ed artistico tra il VI e il IV secolo a.C., con la brusca interruzione dovuta alla conquista romana del 264 a.C.. Dopo la caduta dell’Impero Romano fu conquistata prima dai Goti, poi dai Bizantini e poi dai Longobardi del Ducato di Spoleto. Intorno all’anno Mille conobbe un nuovo sviluppo urbanistico, economico e sociale e ben presto si costituì in libero Comune con un governo che venne riconosciuto da Papa Adriano VI nel 1157. Nel XII secolo estese i propri confini e dominò un territorio che comprendeva vaste zone delle attuali regioni di Toscana e Lazio. La potenza e la ricchezza della città medievale si espressero al massimo grado nel XIII e XIV secolo, come testimoniano gli splendidi edifici ancora oggi visibili. Dopo un periodo di lotte civili e religiose tra le famiglie patrizie, nel 1354 il cardinale Albornoz riaffermò il controllo della Chiesa sul territorio. Nel 1449 entrò definitivamente a far parte dello Stato della Chiesa per restarvi fino al 1860, nascita del Regno d’Italia.
La città dispone di un patrimonio artistico e culturale tra i più ricchi dell’Umbria, fra cui spiccano il Duomo con la sua facciata gotica opera di Lorenzo Maitani e la chiesa di San Giovenale, costruita nel 1004 nel settore medievale della città, nella quale si trova anche il complesso sotterraneo del Pozzo della Cava. Tra gli edifici pubblici più rappresentativi vi sono il palazzo del Popolo e la torre del Moro (entrambi del XIII secolo); la torre di Maurizio è del 1348 ed ancora scandisce le ore in piazza Duomo, dove si trova palazzo Soliano, sempre del XIII secolo. Capolavoro di ingegneria è il pozzo di San Patrizio, scavato dal 1527 al 1537 da Antonio da Sangallo il Giovane con una profondità di 62 metri e due scale elicoidali indipendenti. Sotto la città si nasconde la suggestiva Orvieto sotterranea, dove un incredibile numero di cavità artificiali danno vita ad un intricato labirinto di cunicoli, gallerie, cisterne, pozzi, cave e cantine.

E’ evidente che l’aspetto caratterizzante lo svolge il pianoro vulcanico su cui sorge l’abitato moderno, la cui particolare collocazione oro-geografica ha sempre influenzato il ruolo della comunità che vi era stanziata, legandola al controllo di importanti vie di comunicazione; basti pensare al fiume Tevere che portava al Tirreno ma anche verso le pianure perugine ed i valichi appenninici od alla via Cassia con la sua rete di diverticoli. Il primo consistente insediamento stabile si deve probabilmente ipotizzare già per le fasi protostoriche mentre il tessuto urbano si costituisce a partire dal VI secolo a.C., rispecchiato nella attenta stesura urbanistica degli edifici funerari che compongono le necropoli urbane.: appena fuori dalle mura si trova quella del Crocifisso del Tufo (IV-V secolo a.C.) con tombe a camera costruite con blocchi di tufo e identificate con il nome del capostipite inciso sull’architrave. Il sito è raggiungibile anche a piedi dal centro storico, lungo un suggestivo percorso del parco archeologico. Le scarse testimonianze relative al periodo di occupazione romana devono oggi essere rilette alla luce degli scavi condotti a Campo della Fiera, area ai piedi della rupe e sede del santuario federale etrusco noto come Fanum Voltumnae, la cui valenza religiosa che perdura in epoca romana è anche ribadita dalle fasi tardo-antiche e medievali.
Per il territorio sono documentate le fasi finali dell’Età del Bronzo a Castellonchio, la cui continuità di frequentazione giunge sino ad epoca ellenistica. In pieno periodo arcaico si consolidano le presenze insediative delle aree controllate da Volsinii etrusca coi numerosissimi pagi o castella satelliti di tale centro collocati in un più ampio raggio. In epoca ellenistica si assiste ad un parziale ribaltamento della situazione d’età arcaica: le presenze sul territorio si intensificano nelle aree più prossime alla rupe, a causa delle forze centrifughe che emergono in seguito ai rapporti socio-politici instauratisi in ambito urbano fra classe gentilizia e ceti subalterni. Si tratta dei prodromi della situazione che determinerà l’intervento romano nel 264 a.C., con la conseguente deportazione della popolazione volsiniese sulle sponde del lago di Bolsena. Le classi più abbienti si ritirano nelle residenze extra urbane e fioriscono i nuclei di necropoli. Le vie di transito sono sempre costituite sia dai corsi d’acqua, con l’interessante sito di Pagliano e dalla via Cassia, realizzata fra il 171 ed il 154 a.C., la quale conserva ancora interesse per l’area prossima alla rupe, diversamente da quanto poi pianificato nel 108 d.C. per la via Traiana Nova. Da capitale etrusca oggi Orvieto è anche la capitale delle Città Slow. La città ed il territorio sono caratterizzati da una viva tradizione enogastronomia nella quale un posto di prestigio è ricoperto dalle produzioni vitivinicole, valorizzato anche dalla strada dei Vini Etrusco-Romana, che comprende tutta la provincia di Terni, coi centri di riferimento rappresentati dall’Enoteca Regionale e dal Palazzo del Gusto.

Sponsor

Contattaci

    Torna in alto